martedì 15 gennaio 2019

Opera in 3 parti. Parole, Immagini, Suono. Metropolitana 5 Milano

180 anni fa, per una foto in bianco e nero, venti minuti di posa, 
poi, la foto a colori, il cinema, il digitale, 
i treni, il vapore, il motore, l'elettrico, il tram, la metropolitana,
la musica, soave accompagnava nell'evolversi, spesso incompreso e inatteso o forse solo sperato, di quei passi che si solcava al buio.
labirinto sotterraneo, dell'economia dei flussi
di una metropolitana completamente automatizzata, a tratti ancor più alienante, da suggestioni distopiche o futuribili
un esperimento video,
con l'intramontabile Debussy a dare il ritmo


click per VIDEO. Opera in 3 parti. Parole, Immagini, Suono. Metropolitana 5 Milano
se non vi apre il video sopra
click per video Opera in 3 parti (senza audio)
descrizione 
"l'opera", in tre parti, 
lo scritto
decodificato in foto/immagine, 4 termini; 
il progresso dei mezzi, in 6 termini . 
La velocità, altro elemento, 
l'automatismo, come caratteristica. 
La musica, che trascende lo spazio/tempo, 
creando una "sua" dimensione. 
da un lato, il rischio distopico del romanzo di Emile Zola, 
dall'altro l'incantamento tipico dell'animazione delle immagini. 
L'arte suscita emozioni e sensazioni.

in evoluzione, non solo il passaggio della metropolitana, ma il "suo" percorso di avvicinamento e l'esperienzialità generata (nel video a seguire)

click per VIDEO Milano Metropolitana 5 un pensiero postmoderno

il cortocircuito dell'algoritmo e dei cookies, 
il paradosso della ricerca, 
più cerchi, profilato, 
meno potrai trovare,
ma solo ritrovare, 
quindi, anestetizzando e annullando la ricerca,
o meglio, continuando a illuderti 

di cercare quel che ti si vuol mostrare

in bici per vedere quel che.. a 100 metri non si scorge, la pista ciclabile tra Inveruno e Furato

lunedì 14 gennaio 2019

ricordando De Andrè da Milano 11 1 2019



Un viandante,
Ha cantato bisogni
Mascherandoli per sogni
Ai borghesi e ai lacchè
Ha colpito nel petto
Fu' rapito, perdono'
Fu simbolo in vita
Ed ora lascia riflessioni
Non solo canzoni.
Storia di un impiegato.
Cos'è cambiato?
Si, nel web autodenunciamo le ambizioni
e le condanniamo a tenere le mani in tasca.
Un viandante