venerdì 27 ottobre 2017

LA STANZA DELL’ALBERO di Erica Mela Magagnato

Non capita tutti i giorni di vivere l'arte, di aver l'opportunità di partecipare a una "installazione intereattiva"; un particolare grazie a Erica Mela Magagnato, vi segnalo il suo sitoweb
 web Erica mela Magagnato
Ogni sensazione è dentro di noi

            Attorno a noi

            Il divenire è già

            E ogni respiro è Anima del mondo

Rispetta l’albero e aiutalo a crescere.


martedì 3 ottobre 2017

l'arte in politica e la politica nell'arte. 3 protocolli, giustizia, libertà e diritto 3 10 2017

Un noto artista famoso a livello mondiale mi ha presentato a suoi conoscenti con la frase:
"lui è un nostro collega, fa della politica arte e porta l'arte in politica";
il mio grazie e la mia riconoscenza sono immense; riflettendoci, l'arte, cristallizza o porta, il senso della cultura nel rapporto col tempo.
E se il mio agire; "Dada è morto, Dada è morto" gridavano i primi situazionisti, "l'arte è morta, ma cos'è l'arte?" si chiedono in quegli spazi asettici denominati padiglioni (? padiglioni???) d'arte;
e allora no, ancora no e per giunta proprio no. (ovviamente giunta è un gioco di parole di quest'arte che come novelli alchemici "solve et coaugula"; ma ora non possiam coagulare, tanto è sproporzionato il baratro politico in cui ci han buttato;
e allora? ancora! ancora!!!

martedì 26 settembre 2017

Tiriamo un calcio alla discarica. 27 9 2017

Non sono mai stato un campione, ma se anche fosse, non è tanto essere un campione, quanto venir riconosciuto come tale.
Ricordo un sabato pomeriggio, piovoso e freddo, manco fosse autunno inoltrato, l'elettricità nell'aria, tensione alle stelle, l'incoscienza dello sport e della giovane età, una partita di pallone, si sa, non vuol dire niente e a volte vuol dire tutto, forse una sfida campionato di un campionato di squadre giovanili, come se davanti ci fosse una platea di finale europea, le rivalità, che a pensarci fa solo sorridere in ragazzi di 14 anni; una partita che in ogni allenamento, da 5 mesi, dalla sfida del girone d'andata (e si una sfida, mica una partita) è il chiodo fisso in quelle teste in costante evoluzione.
Arriva quel pomeriggio, pioggerellina, la distribuzione delle magliette negli spogliatoi; e li il trauma, il n. 15, vuol dire panchina, le parole di ammonimento del mister, “entri fresco nel secondo tempo”, come puzzavano di imbroglio, un imbroglio durato 5 mesi; ma fa niente, si mastica amaro, questa è la vita, per poi degustare il dolce; non c'è bianco se non vedi il nero, e poi, per chi ambisce a conoscere tutto lo spettro cromatico, un tuffo nel nero, serve sempre.
La partita è tesa, va il primo tempo, ci fanno un gol, la polisportiva Oratoriana Vittuone, la regina incontrastata del girone, è avanti di un gol, il miglior difensore del campionato, un ossonese, del mio paese, è in quella squadra, un giovane campione, di testa le prende tutte e sa sempre ripartire e rilanciare la squadra, ma questa è un altra storia.
Inizia il secondo tempo, i biancorossi dell'Ossona arrancano, la voglia di giocare è tanta, il mister non mi chiama, una sorta di nube mi avvolge la testa, guardo la partita come dentro una bolla, il mister (allenatore) non mi chiama per riscaldarmi, mancano ormai nemmeno 10 minuti, non mi chiama, siamo sotto di un gol,, la pioggia smette, il mister si gira e mi fa “Gibo scaldati”, mi metto a correre a lato del campo, tempo un minuto, entro in campo;
rimessa laterale, proprio vicino alla panchina, non guardo niente e nessuno, la porta tanto non me la spostano, è li a 40 metri, e io ci vado, ci vado come un treno che senza binari, non vede ostacoli, salto in velocità due difensori, entro in area, saran passati 20 secondi nemmeno, tiro e il portiere para e respinge, arriva il nostro attaccante di punta e Gol!!!, Pareggio.
Esplode qualcosa. Ma non è finita. Palla al centro.
Ripartiamo, si passano la palla, e tempo tre secondi la intercetto, come se fossi un mastino, testa bassa ancora e via verso la porta, gli ultimi 16 metri quelli in area non sono più io, e non capisco come e perchè la palla va in porta, Goal!!
In 2 minuti, abbiamo, ribaltato non una partita ma tutta la stagione; di quel Goal, ricordo che mi son messo a correre per il campo, fino alla nostra porta, non so se per festeggiare o per sfuggire ai compagni che mi volevano saltare addosso per festeggiare, ho fatto una corsa fino alla nostra porta, tutto il campo.

Niente, cosi vi ho raccontato come mi son sentito in questi 4 giorni, dopo aver trovato le normative Regionali che non solo attribuiscono a chi ha fatto la Legge Regionale le responsabilità, ma anche e soprattutto, che mica ci frega di chi è la colpa del problema, ci interessa Risolverlo e portarne soluzione; dunque, nella Legge Regionale 12 ottobre 2015 n.32, articolo 3 comma 1, e soprattutto negli allegati, si evince la Facoltà di Regione Lombardia, nella figura del Presidente e dell'Assessore Regionale di “ISTITUZIONE E REVOCA DI OASI DI PROTEZIONE” , al punto successivo “Gestione delle oasi di protezione”.

Ha fatto male, dopo un anno di duri allenamenti, partire dalla panchina e non giocare tutta la partita, ma poi, in due minuti, i due gol, la corsa. Sta facendo male, una vita di studio, e poi, trovare il motivo più nobile di quello studio.
Bene è tutto li, il resto è noia e viva lo sport, viva l'ambiente, viva i Verdi, viva chi non si arrende, viva chi non sta in platea a guardare.

E se avesse ragione Freud? E se avesse ragione quel tizio che la vita vera sono i sogni, che quando stai nella strada, sono le invidie e le bacate fantasie di chi non sa, che provano a costruir chissà quale falsa verità?
Fatto sta che la partità ci fu, forse un po' di romanzo e di sale nel ricordo dopo molti anni; fatto sta, che la legge regionale c'è.
Se poi, serve il circo e i figuranti per richiamare al dovere, vada anche quello, l'importante è vincere la partita;
come non ho mai chiesto al mister perchè non ho giocato dall'inizio, non chiederò ai “mestieranti della politica che rifiutano la politica”, perchè di quella legge regionale non han parlato; l'importante come mi ha rincuorato Umberto ieri sera è, dovevi trovare nelle leggi lo “scacco matto”, l'hai trovato. Bravo.
Grazie a tutti, che poi, la partita l'abbiam vinta per la società di calcio, ora questa partita, la dobbiamo vincere per la Società del futuro, e scusate se è poco.
Oggi è il giorno NoNuke che mi ricorda dal profondo il perchè del mio sacrifico di ogni giorno come funzionario a titolo volontario e gratuito senza nemmeno i rimborsi della Federazione dei Verdi e le idee non hanno prezzo, il domani è nostro.

Mercoledì h.8.30 Milano   G7  Ambiente   Forum Acqua.
alla presenza di Maroni (Regione Lombardia), manifestiamo il nostro dissenso al loro progetto di fare di Milano Città Metropolitana la Discarica di Regione Lombardia



mercoledì 20 settembre 2017

mercoledì 13 settembre 2017

European Mobility week 2017. 16 22 settembre 2017

Pare ieri che si inondava e colorava Milano con le nostre proposte; oggi serve continuare in questo impegno.
Aspettando la settimana europea della mobilità sostenibile
http://www.mobilityweek.eu/
un invito a riguardare la grandiosa manifestazione di Milano

l'Italia Cambia Strada per una mobilità nuova 4 maggio 2013 Milano


e un breve saluto di questa mattina

lunedì 11 settembre 2017

Thank you Led Zeppelin

Thank you Led Zeppelin 

Thank you

If the sun refuse to shine,
I would still be loving you.
When mountains crumble to the sea,
There will still be you ‘n’ me.
Kind woman I give you my all.
Kind woman nothing more.
Little drops of rain whisper of the pain,
The tears of loves’ lost in the days gone by.
My love is strong, with you there is no wrong,
Together we shall go until we die.
An’ inspiration’s what you are to me.
Inspiration look ‘n’ see.
And so today my world it smiles,
Your hand in mine we walk the miles.
But thanks to you it will be done
For you to me are the only one.
Happiness, no more be sad.
Happiness, I’m glad.
If the sun refuse to shine,
I would still be lovin’ you.
Mountains crumble to the sea,
There will still be you an’ me.


Grazie

Se il sole si rifiutasse di splendere
Io continuerei ad amarti
Quando le montagne crolleranno nel mare
Io e te ci saremo ancora
Donna gentile, ti darò tutto me stesso
Donna gentile, niente di più
Piccole gocce di pioggia sussurrano del dolore
Lacrime di amori perduti nei giorni andati
Il mio amore è forte, con te va tutto bene
Insieme continueremo fino alla morte
Tu per me sei l’ispirazione
L’ispirazione, nota bene
E oggi il mio mondo sorride
La tua mano nella mia, camminiamo per miglia
Ma grazie a te ciò sarà fatto
Per me sei l’unica
Felicità, non più tristezza
Felicità, sono gioioso
Se il sole si rifiutasse di splendere
Io continuerei ad amarti
Quando le montagne crolleranno nel mare
Io e te ci saremo ancora

Le attività di settembre della Fondazione Abbatia Sancte Marie de Morimundo

La Fondazione e il Museo dell'Abbazia, dopo la pausa estiva, propongono infatti per settembre numerose inziative. Laboratori, visite guidate, conferenze ruotano attorno al tema scelto per le Giornate europee del patrimonio: Le attività di ricerca del Museo - l'archivio di architettura cistercense e  lo scrptorium virtuale. Eccole nel dettaglio
  • mercoledì 13 settembre
    Laboratorio serale miniatura adulti: Dalla natura materiali e attrezzi per la redazione dei codici miniati
    ore 21:00
  • venerdì 15 settembre
    Conferenza: In Morimundo tuam stabilitatem firmasti. Ricerca sulla linea di filiazione di Morimond
    ore 21:00

domenica 10 settembre 2017

i Video di inizio settembre 2017

Oltre ai video anche contributi Audio
iniziamo con l'omelia del nuovo ArciVescovo di Milano presso il Santuario della Madonna dei Miracoli di Corbetta (da ascoltare, anche con "orecchio laico")
Vescovo Eletto Mario Delpini 1 9 2017 Corbetta
la visita alla parrocchia di Ossona
Il Vescovo di Milano Mario Delpini in visita a Ossona 1 9 2017
Un omaggio alle feste estive, da Viva Las Vegan svoltasi al Circolo ARCI "Magnolia" (Idroscalo)
viva las vegan idroscalo 27 8 2017
passando da Arconate (Milano Metropolitana ovest)
un minimedley in omaggio ad Arconate (Milano Metropolitana)
e il District Fetival di Legnano con un imperdibile Willie Peyote
Willie Peyote District Festival 2017 Legnano Milano Metropolitana

Un grande momento per Milano e per la Democrazia e la Storia; la Storia migliore di questo paese.
Giovanni Pesce Comandante Visone. Milano dedica una piazza

uno stacco in bici,
Naviglio Grande estate 2017 (libellule)

Festa del Baragioeu  presso Villa Annoni  di Cuggiono
Coro d'Altrocanto e Enrico Gerli
Sciur padrun da li beli braghi bianchi
sui rifugiati della prima guerra mondiale (veneto)
ma mi Enrico Gerli e Coro d'altrocanto

Vespannoni Cuggiono Festa del Baragioeu
Un altro modo per vedere il Parco del Roccolo e Arluno e per conoscere il mitico giornalista, Graziano Masperi, negli insoliti panni di Runner!
straarlugn nel Parco del Roccolo 2017 27° edizione 10 9 2017

lunedì 4 settembre 2017

tra la terra e il cielo, qualche parola e la bici

quando il sole 
squarcia le nuvole
frizzante l'aria 
penetra la pelle
l'orizzonte si fa profondo

di nuovi colori
i suoi raggi
riempiono il mondo
in attesa delle stelle
il tempo si fa energia 

(e accompagna la pedalata mia)





la luna, nel cielo di nuvole, timida, 
saluta e si nasconde. 
salutano le ombre il giorno,
aspettandone il ritorno.
un graffito celeste soffia pioggia da qualche parte
in attesa delle stelle
pedalo in disparte

Notte bianca di Robecco sul Naviglio 2 9 2017 secondo articolo (video)

Dopo le suggestive immagini, un breve video
clicca per il videoNotte bianca a Robecco sul naviglio (fuochi d'artificio)

nota di (non) redazione, per rimanere aggiornati sulle attività culturali dell'Est Ticino, Vi segnalo il sito
https://liberanotizienews.blogspot.it/

G.R.R.

sabato 2 settembre 2017

Notte Bianca Robecco sul Naviglio (foto) 2 9 2017

In una serata fresca e ventilata di fine estate, nella suggestiva e incantevole cornice di Robecco sul Naviglio è andata in scena
la Notte Bianca: lasciam parlare le immagini.

lunedì 21 agosto 2017

LA FESTA DELL'UNITÀ DI BOLOGNA SI APRE AL MONDO VEGAN

dallo spazio Web per promuovere uno spazio terrestre, di cultura e consapevolezza! (grazie Silvia e a tutti gli amici di VeganOk)
La tradizionale Festa dell’Unità di Bologna, dal 24 agosto al 18 settembre al Parco Nord ospiterà per la prima volta un’area interamente dedicata al vegan: il Villaggio VEGANOK dove VEGANOK Network e AssoVegan – Associazione Vegani Italiani accoglieranno i visitatori in uno spazio aperto a tutti e ricco di eventi, iniziative e incontri.
I protagonisti delle conferenze oltre agli aspetti scientifici e nutrizionali, condivideranno il loro pensiero non specista di rispetto per i diritti di tutti , in particolare modo di chi è da sempre considerato privo di tali diritti come gli animali non umani. Il team di VEGANOK (la prima certificazione vegan d'Europa) reputa fondamentale portare queste tematiche con forza e competenza anche e soprattutto in un luogo dove tali considerazioni non hanno, fino ad oggi, mai trovato spazio.
Renata Balducci, presidente di AssoVegan, spiega: “Il nostro nuovissimo Villaggio VEGANOK nel contesto di questo storico festival bolognese costituisce una novità assoluta e rivoluzionaria in una manifestazione che ha sempre avuto come simboli salamelle e carne. Sono felice - aggiunge Renata Balducci - che sia AssoVegan a dare una svolta etica alla festa, segno che il cambiamento verso una nuova forma di consapevolezza e coscienza è in atto ed è inarrestabile”.

martedì 18 luglio 2017

dove la bellezza regala ispirazione. Villa Litta Visconti Borromeo Arese

Eppur la bellezza qualcosa lascia nella sua impalpabile ansia di perfezione

dallo spazio web a un magnifico spazio, e il mio sussurrato invito a recarvi per viverlo dal vivo
maggiori informazioni http://www.amicivillalitta.it/index.htm

segue foto

i primi video di Luglio

Ivan Illich Per una storia dei bisogni

IVAN ILLICH 
Per una storia dei bisogni 
originale Toward a History of NeedsPubblicato negli Stati Uniti da Pantheon Books divisione della 
Rundom House, Inc, New York 
Traduzione di Ettore Capriolo 
I edizione marzo 1981 

Introduzione 


I cinque saggi qui raccolti rispecchiano un decennio di riflessioni sul modo di produzione industriale. 
Durante questo periodo mi sono soprattutto occupato dei processi attraverso i quali una crescente dipendenza da beni e servizi prodotti in serie elimina a poco a poco le condizioni necessarie per una  vita conviviale. Ciascun saggio, nell'esaminare un settore diverso della crescita economica, dimostra una regola generale: i valori d'uso vengono ineluttabilmente distrutti quando il modo di produzione industriale raggiunge quel predominio che io ho chiamato "monopolio radicale". Nell'assieme i saggi descrivono in che modo la crescita industriale produce la versione moderna della povertà. 
Questo tipo di povertà fa la sua apparizione quando l'intensità della dipendenza dal mercato arriva a una certa soglia. Sul piano soggettivo, essa è quello stato di opulenza frustrante che s'ingenera nelle persone menomate da una schiacciante soggezione alle ricchezze della produttività industriale. 

lunedì 3 luglio 2017

video di giugno 2017